I benefici dell’emodinamica nel Lazio

Uno studio adeguato della scienza emodinamica nel Lazio può davvero salvare la vita alle persone in difficoltà. Vediamone alcune caratteristiche principali.

Cenni generali sull’emodinamica

L’emodinamica è una disciplina appartenente alla scienza cardiovascolare e monitora i movimenti del sangue all’interno dei vari vasi. Si tratta di un insieme di studi basati prettamente sulla meccanica dei fluidi, ossia sulle leggi fisiche che li regolamentano. Il termine emodinamica comprende la pratica della coronarografia, che si occupa di indagare in modo invasivo le arterie coronarie che pompano il sangue al cuore. Inoltre, ne fa parte anche l’ecocardiografia, che analizza il cuore con un metodo non invasivo attraverso una serie di ultrasuoni.

 

a cosa serve l'emodinamica nel lazio

Le procedure dell’emodinamica

In una sala di emodinamica si possono mettere in atto diverse procedure per analizzare l’apparato cardiovascolare. È sufficiente effettuare una semplice puntura all’altezza dell’inguine, nel polso o nel gomito. Bisogna trovare la vena giusta, dalla quale deve partire una cannula che conduce un catetere direttamente nel cuore.

Si può verificare l’effettiva quantità di ossigeno presente nel sangue e la sua pressione mediante il cateterismo del cuore. La coronarografia analizza i singoli vasi, mentre l’angiografia periferica opacizza i vasi che vanno a costituire l’aorta. Successivamente, l’angioplastica coronarica dilata il segmento di un vaso ostruito e, in alcune circostanze, consente l’installazione di uno Stent, una retina metallica che facilita il transito del sangue.

Accenni sulla situazione della fisiologia emodinamica nel Lazio

La situazione della pratica emodinamica nel Lazio vede la presenza di numerosi servizi disseminati lungo tutto il territorio della regione. Le varie sale sono disponibili per 24 ore su 24, anche si parla di un sostanziale potenziamento della rete attraverso l’installazione di altre pratiche di questo genere in ulteriori centri ospedalieri. Dovrebbe essere aggiunto un nuovo sistema che trasmette i tracciati elettrocardiografici di chi soffre di malattie cardiovascolari.