I film horror che ogni appassionato deve vedere almeno una volta nella vita

Uno dei generi più importanti da un punto di vista non solo commerciale per quanto riguarda il cinema è senza dubbio quello dei film horror, che hanno contribuito nel corso di tanto tempo a fare la storia della settima arte.

Ma quali sono i film horror che devono assolutamente essere presenti nella collezione di qualsiasi appassionato o che devono assolutamente essere visti da chi si vuole avvicinare a questo genere?

I grandi classici del cinema horror

Senza dubbio uno dei film horror da recuperare assolutamente è L’esorcista. Secondo la maggior parte dei critici si tratta del film di genere più bello di tutti i tempi e a riprova della sua importanza c’è il fatto che diverse sono le sequenze che a distanza di 40 anni sono ancora capaci di terrorizzare.

La carrellata non può che continuare con Shining, film che si avvia al quarantesimo anno dalla sua uscita e che è considerato uno dei capolavori di Kubrick.

Ridurre il film alla sequenza di Jack Nicholson con l’ascia è decisamente riduttivo e questo film è un horror davvero sui generis e uno dei pochi casi in cui un libro di Stephen King ha avuto una trasposizione cinematografica di livello.

E che gli anni ’70 e ’80 del secolo scorso siano stati l’età dell’oro per i film horror lo si capisce da tanti altri titoli, tra cui non si possono non citare Non aprite quella porta e Nightmare-Dal profondo della notte.

Il primo è un film horror decisamente classico e Tob Hopper ha dato vita con questo film a Leatherface, uno dei personaggi cult della cinematografia horror. E stesso discorso vale per Nightmare-Dal profondo della notte, pellicola di Wes Craven che ha portato sul grande schermo il personaggio di Freddy Kruger, uno dei simboli della cinematografia di genere anche dopo tanti anni dalla sua prima apparizione sul grande schermo.

Le altre grandi saghe del cinema horror

Come si può capire, il cinema horror ha una caratteristica, ovvero quella di dare spesso il via a vere e proprie saghe che hanno fatto la storia del cinema. Ne sono già state citate alcune, ma non possono certamente mancare all’appello pezzi da 90 come Alien e La Casa. Il primo è uno dei pochi horror ambientati inizialmente nello spazio ed è passato alla storia non soltanto per sceneggiatura e paura ai massimi livelli, ma anche per aver costituito il trampolino di lancio della carriera di Sigourney Weaver.

E di trampolino di lancio si deve parlare anche in riferimento a La Casa, pellicola a bassissimo budget che con il tempo è diventato un vero caposaldo del genere ed è ancora oggi amatissimo da quanti apprezzano i film horror in generale. Come spesso capita i sequel non sono stati all’altezza, ma il primo capitolo rimane una perla di terrore puro.

Tra i registi che meritano un posto d’onore in questa carrellata vi sono ovviamente anche John Carpenter e Dario Argento. Il primo ha fatto un film come “La cosa” che, come spesso capita ai film di genere, è stato stroncato all’uscita per poi essere rivalutato posteriormente, mentre il maestro italiano dell’horror ha all’attivo diverse pellicole che meriterebbero una citazione tra cui trova spazio Suspiria, film che ha ormai 40 anni.

Infine, non si può parlare di film horror imperdibili senza ricordare George A. Romero.

Tra i tanti film horror di quello che è considerato il maestro del genere merita una menzione Dawn of the Dead, che pur essendo di fine anni ’70 del secolo scorso è ancora capace di incutere terrore e influenza ancora oggi chi si avvicina al genere.