Rilevazione presenze e controllo accessi: le nuove tecnologie

Negli ultimi anni, si è sentito parlare, in maniera sempre più frequente, di sistemi di sicurezza e di controllo degli accessi. Lo sviluppo di tali metodi e tecniche è stato reso possibile soprattutto dall’utilizzo sempre più frequente delle smart card che, da semplici sistemi di fidelizzazione, sono diventate vere e proprie chiavi di sicurezza, in grado di garantire una serie di servizi quali la rilevazione di presenze, la firma digitale e molto altro ancora.

In particolare, le smart card hanno avuto un vero e proprio successo come elementi cardine per i sistemi di rilevazione di presenze. Naturalmente, a monte dei sistemi di rilevazione di presenze vi è anche tutta una serie di processi, si software e di analisi fondamentali per garantire il corretto utilizzo delle smart card stesse e permetterne un ampio utilizzo nei diversi settori.

Le nuove tecniche utilizzate per il controllo accessi e la rilevazione presenze sono state già utilizzate con successo in molti settori, soprattutto aziendali, e vengono continuamente scelte anche nel settore del benessere e dello sport. In molte aree sportive, come ad esempio le piscine, il controllo degli accessi è fondamentale per garantire l’ingresso esclusivamente alle persone autorizzate. Lo stesso dicasi per le SPA o altri centri, in cui risulta fondamentale non solo effettuare la rilevazione presenze del personale, ma anche e soprattutto avere la possibilità di gestire il controllo accessi dei clienti.

Oltre alle smart card, che tuttavia rappresentano il mezzo maggiormente utilizzato per questo tipo di operazioni, altre modalità di controllo accessi e rilevazione presenze sono i tag RFID, e i moderni sistemi di riconoscimento che si basano sulla biometria. Ognuno di questi differenti strumenti presenta particolari caratteristiche specifiche: per questo motivo, a seconda del settore e delle necessità può essere conveniente scegliere una tecnologia o l’altra. La scelta, in molti casi, dovrebbe essere suggerita da esperti, in grado di evidenziare tutte le differenze tra le diverse tecniche e assicurare una scelta idonea alle proprie esigenze. Partner Data è un’azienda che ha avuto un’importanza fondamentale per lo sviluppo e la diffusione delle smart card in Italia. Inoltre, i suoi tecnici garantiscono il massimo supporto per assicurare la migliore scelta di tecnologie per il controllo accessi e rilevazione presenze, relativa all’uso che se ne deve fare. In particolare, oltre ad offrire la propria esperienza nel settore delle smart card, Partner Data distribuisce anche lettori biometrici e lettori smart card, per garantire il perfetto uso di tutte le più moderne tecnologie attualmente sul mercato.

Il lettore biometrico: controllo accessi tramite le caratteristiche fisiche

I sistemi di controllo biometrico sono strumenti molto noti, anche al grande pubblico, soprattutto grazie ai numerosi film e alle serie di fantascienza e spionaggio che sono stati realizzati negli ultimi anni. Nella realtà, i sistemi di controllo biometrico per la rilevazione delle presenze sono realmente utilizzati, e anche spesso, in molti settori dell’industria e non solo.

Gli usi più comuni sono quelli relativi al controllo degli accessi in aree altamente riservate, quali laboratori scientifici che presentano materiali pericolosi o aree e capannoni industriali in cui vengono effettuate lavorazioni a temperature e pressioni molto elevate o molto basse o, ancora, aziende che operano in settori particolari, quali settori chimici, informatici o altro, che hanno la necessità di tenere sotto controllo gli accessi in determinati settori pericolosi o riservati. Per garantire il controllo degli accessi e autorizzare le entrate e le uscite esclusivamente al personale autorizzato, le aziende utilizzano misure di sicurezza quali controlli tramite biometria.

I lettori biometrici sono spesso associati anche a smart card e specifici lettori, per garantire la massima sicurezza che solo un doppio codice d’accesso (biometrico e elettromagnetico o meccanico) può assicurare. Nel caso specifico dei lettori biometrici, le chiavi più utilizzate sono quelle relative all’impronta digitale, alle dimensioni e colore dell’iride o al timbro della voce. Nonostante l’ampia diffusione e probabilmente anche per assicurare il corretto uso dei lettori biometrici, le aziende che ne fanno uso devono, per legge, garantire il rispetto della privacy e delle informazioni relative alla rilevazione delle presenze registrate dal lettore stesso.

Tuttavia, va sottolineato che l’uso dei lettori biometrici presenta una serie di grossi vantaggi, tra cui quello di non dover portare sempre con sé tessere o tag, assicurando sempre la possibilità di accedere dove sia necessario, semplicemente utilizzando le proprie caratteristiche fisiche come chiave d’accesso. Partner Data distribuisce due sistemi di lettori biologici combinati alla possibilità di operare con carte di prossimità e tastiera, per garantire un servizio sicuro e completo. Il primo, il PD700 Bio, è un sistema in grado di essere utilizzato con facilità: dotato di un ampio display che permette di visualizzare dati ed informazioni, rappresenta una scelta completa per chi abbia bisogno non solo di un sistema di rilevazione delle presenze preciso ma anche altamente tecnologico.

Anche Actateck è un rilevatore di presenze in grado di operare sia tramite card di prossimità, sia tramite tastiera e sia tramite biometria, in particolare permettendo la lettura delle impronte digitali. Compatto facilmente utilizzabile, permette una programmazione completa sia per gli orari che per definire il personale autorizzato agli accessi.

Un sistema di ampio successo: il lettore di smart card

smart-card-a-memoria-protettaAnche se la biometria sta trovando sempre più applicazioni, va sottolineato che la parte del leone nel controllo degli accessi e nella rilevazione delle presenze la fa ancora la smart card. Sia di prossimità che contactless, sia a memoria che a memoria protetta che a memoria CPU, le smart card sono probabilmente uno strumento che hanno saputo rivoluzionare i sistemi di controllo, grazie soprattutto alla loro semplicità, alla versatilità e praticità d’uso.

Le smart card vengono utilizzate in molti campi e settori differenti, dai sistemi di fidelizzazione agli abbonamenti elettronici nei mezzi di trasporto pubblico, dagli accessi in biblioteca fino agli accessi in ufficio. Nel caso specifico, le smart card utilizzate per il controllo degli accessi e la rilevazione delle presenze, assicurano il corretto svolgimento delle registrazioni di informazioni di vario tipo grazie ai lettori, in grado di memorizzare tutti i dati che vengono poi comunicati ad un terminale ed elaborati tramite software specifici.

La lettura delle informazioni registrate sulle smart card vengono effettuate da lettori di tipo diverso, a seconda delle smart card in uso: in ogni caso i lettori sono caratterizzati dalla possibilità di scambiare e trasmettere informazioni tramite particolari standard di comunicazione: Partner Data distribuisce una serie di soluzioni tecnologicamente molto avanzate, che permettono di leggere tutti i diversi tipi di smart card. Un esempio di tali tecnologie è dato dai lettori di smart card ASE Drive, in particolare nei modelli IIIe e Bio Combo. La prima tipologia, ossia gli ASE Drive IIIe, possono essere collegati al computer in maniera differente, a seconda delle necessità, ossia tramite porta seriale, collegamento interno o tramite inserimento in tastiera. Compatibile con le piattaforme più comuni, quali Window, Mac OSX e Linux, supporta diversi standard, quali l’ISO7816-3 T=0/1, il PC/SC, e l’EMV Level 1. Il modello Bio Combo, come si può comprendere dal nome, è un lettore combinato, ossia che permette di operare sia tramite smart card che tramite rilevamento delle impronte digitali. Rappresenta quindi una soluzione avanzata per assicurare, in maniera rapida e sicura, la rilevazione di presenze in aziende ed uffici.

Per garantire la massima possibilità di utilizzo in contesti con necessità differenti, Partner Data distribuisce anche i lettori della serie MX5. Si tratta di quattro differenti tipi di lettore di smart card molto utili per la rilevazione di presenze in contesti differenti. Essi, infatti, operano in maniera complementare, per assicurare un ampio spettro di copertura delle necessità di aziende, industrie, uffici e strutture, sia pubbliche che private. I diversi modelli della serie MX5 sono compatibili con vari standard di comunicazione, dagli ISO ai Mifare e permettono comunicazioni dai 125 KHz ai 13.56 MHz. I diversi modelli MX5 sono realizzati per poter effettuare letture di card da contatto o contactless di vario tipo, garantendo quindi la massima praticità d’uso. Le informazioni rilevate dal lettore vengono trasmesse ad un terminale che garantisce l’elaborazioni dei dati per effettuare un controllo sugli accessi, le uscite, i diversi permessi presi, garantendo un quadro completo di dati fondamentali per la rilevazione presenze.

Partner Data, oltre a distribuire i diversi lettori di smart card o rilevatori biometrici, offre supporto ed assistenza anche nella scelta e nell’uso delle smart card stesse, dei tag, dei token e di altri strumenti che garantiscono la massima possibilità di rilevazione di presenze. Inoltre, grazie all’esperienza trentennale nel settore, Partner Data assicura la clientela sulla scelta degli strumenti più idonei alle proprie necessità, siano quelle di effettuare un controllo degli accessi o la rilevazione delle presenze o semplici programmi di fidelizzazione che necessitano di card e lettori più semplici da utilizzare.